Workshop 29 ottobre

Workshop 29 ottobre

11:30

Oggi piu’ che mai il Fashion & Luxury Retail richiede un approccio innovativo alla pianificazione strategica, finanziaria e operativa. Serve una piattaforma integrata di Business Intelligence e Planning che superi definitivamente le barriere fra le diverse funzioni e processi aziendali, accelerando i tempi del decision-making e favorendo finalmente una effettiva collaborazione e comunicazione interna.

Il workshop metterà in evidenza i risultati ottenuti da BOARD, presentendo anche case history di partner e clienti prestigiosi.

Testimonanze di PWC e Slowear

A cura di 

Board logo

Relatori

12:30

 

Il termine Churn indica la decisione da parte del cliente (o consumatore) di chiudere ogni relazione (di acquisto e/o di servizio) con l’impresa. La Churn analysis ha l’obiettivo – attraverso l’uso di modelli predittivi – di individuare i clienti a rischio di abbandono ma dipende fortemente dalla definizione di «abbandono del cliente» e dal contesto in cui l’azienda opera.

La Churn analysis è efficace e informativa quando la relazione tra cliente e impresa è regolata da un abbonamento/canone o, più in generale, da un contratto di servizio (anche implicito) che si palesa come una relazione continuativa tra cliente ed impresa (tipicamente B2B).

La tradizionale Churn analysis può risultare spesso poco efficace e poco informativa. Inoltre, necessita di almeno 18-24 mesi di dati e quindi apre il fianco ad un tema di rispetto della compliance normativa in tema di data retention. L’attenzione, nel contesto Davines, è posta invece non tanto sul rischio di abbandono, ma sulla probabilità di ritorno (nuovo ordine) del cliente e sulla distanza in giorni al prossimo acquisto. La possibilità di sapere se e quando il cliente ritornerà diventa cruciale per una migliore definizione e posizionamento delle attività commerciali e di marketing.

A cura di:

Risultati immagini per horsa logo

 

13:30

La digitalizzazione sta cambiando radicalmente il panorama del Retail

  • Connette l’inventario, i clienti ed il personale di vendita con informazioni accurate, sicure e puntuali migliorando l’esperienza di acquisto e la fiducia del consumatore verso il retailer

  • Incrementa le vendite traendo vantaggio dall’accuratezza dei dati inventariali

  • Ottimizza l’inventario di negozio nell’era del “click and collect”

Risultati immagini per sensormatic

Speaker

14:15

Sempre più digitale, informato e iperconnesso, il consumatore moderno chiede un’esperienza di acquisto omnicanale e prodotti personalizzati, quando e dove servono, nel più breve tempo possibile.

In questo scenario, la sfida del Retail è nel saper offrire una Customer Experience evoluta basata su un modello distributivo integrato, efficiente e sostenibile.

Durante il workshop, ICAM presenterà BuyBox l’innovativo touch-point “phygitale” per il New Retail omnicanale.

Relatori

15:00

Cisalfa Sport, il retail network italiano di vendita di articoli sportivi, ha lanciato un nuovo concept store che punta all’omni-channel retail strategy. L’ambizioso obiettivo è quello di diventare un punto di riferimento nel modello di integrazione fra l’esperienza in negozio e quella online.

Grazie alla nuova Store App di Clienteling - un prodotto EURISexperience - è finalmente possibile valorizzare il talento in negozio e migliorare la produttività. Lo store clerk diventa un vero e proprio Digital Shopper: una figura che, potenziata dagli strumenti tecnologici, può far vivere al cliente finale una vera esperienza di Personalizzazione, Engagement e Integrazione Omnichannel. 

 

 

Relatori

16:00

Marketing Automation = strategie e azioni di marketing basate sui comportamenti degli Utenti/Clienti online e in negozio.
Formazione base: CRM 360; Segmentazione Statica e Dinamica (Funnels e RFM); Regole di Automazione; Campaign Automation (workflow): Intelligenza Artificiale (Raccomandazioni). 40 minuti densi di contenuti formativi per il nuovo marketing 2020 dei Retailer e eCommerce.
Presentazione di SalesManago la CDP (Customer Data Platform) integrata


Workshop 30 ottobre

Workshop 30 ottobre

11:30

Quando sono coinvolti emotivamente, è molto probabile che il 94% dei consumatori consiglierà un brand ad altri (stat: Kettle Fire).
Non è possibile pagare per questo tipo di brand advocacy. L'ingrediente magico per far innamorare i tuoi consumatori è un sapiente utilizzo dei dati per creare una comunicazione di marketing iper-personalizzata, in grado di incrementare loyalty, frequenza di acquisto e lifetime value.
Nel corso di questo workshop, presenteremo un caso reale di iper-personalizzazione dei messaggi di marketing, sfruttando la sinergia tra retail fisico e digitale.

Il workshop sarà condotto da:

Home


11:45

Fashion, Beauty, Food… se è vero che fidelizzare un cliente oggi significa ultra-personalizzarne la relazione è indubbio che ciascun settore del retail ha le sue peculiarità.
Ma quali sono questi elementi specifici? Quanto incidono sulle strategie di fidelizzazione? Vi sono delle best practice che anche settori diversi possono mettere a fattor comune per acquisire, ingaggiare e creare una relazione duratura con i propri clienti?

Fabio Maglioni, Country Manager di Splio Italy, modererà una tavola rotonda che vede la partecipazione dei retailer stessi, provenienti ciascuno da un settore diverso, che condivideranno la loro esperienza

a cura di:  


12:30

S4M e un'importante media agency hanno sviluppato un nuovo approccio  di mobile drive-to-store, realizzando per uno dei principali retailer GDO una strategia di comunicazione mirata a influenzare il comportamento dei consumatori nel mondo reale.
Questa strategia ha portato significative visite incrementali ai negozi, in un contesto, quello del retail in Italia, in cui circa il 90% delle vendite si conclude ancora nei punti vendita fisici e dove è fondamentale avere piena visibilità dell'impatto incrementale degli investimenti in digital marketing.


13:30

Waze è l’app di navigazione gratuita presente in 185 nazioni che racchiude una community di 120 milioni di utenti attivi a livello globale. L’app si rivolge non solo agli automobilisti, ma anche ai brand sviluppando un modello di business basato sulla pubblicità unico in termini di esecuzione e di rendimento che si colloca in uno spazio comunicativo privilegiato, l’automobile.

I consumatori sono sempre più in movimento e per i brand è diventato cruciale cogliere in termini di tempo ed efficacia l’attenzione dell’audience. In particolare, Waze è l’unico media digitale in-car che si rivolge, in sicurezza, agli utenti durante il tragitto. Grazie a Waze e attraverso l’installazione di schermi interni con la possibilità di connettere il proprio smartphone, l’automobile diventa un vero e proprio media per le strategie adv multi-channel e multi-screen ed è in grado di trasformare il negozio in una vera e propria destinazione per i consumatori attraverso un meccanismo di Digital Out of Home.

In aggiunta, Waze ha introdotto un nuovo KPI chiamato Navigation Market Share che, partendo dal numero di persone che attivano una navigazione verso un punto vendita, permette di monitorare l’intero settore e contestualizzare i risultati della propria performance rispetto alla concorrenza al fine di definire una strategia pubblicitaria ancora più efficace.

A cura di:


14:15

Fabio Di Paola, Head of Business Processes di Vodafone Italia condividerà l’esperienza e le Best Practice di Vodafone Italia sull’importanza della proattività e disponibilità del Servizio e del suo continuo miglioramento come strategia di long-term fidelization dei propri clienti

A cura di:

Risultati immagini per SERVICE NOW


15:00

 (workshop condotto in lingua inglese con traduzione)

Risultati immagini per mcube

 

 

 

 

Modera la discussione: