News & Media

Abbiamo incontrato Andrea Lorini CEO di ChiaraFerragni.com e Chiara Ferragni Collection

In previsione della sua partecipazione in qualità di speaker a Forum Retail 2017, abbiamo incontrato Andrea Lorini, CEO di ChiaraFerragni.com e Chiara Ferragni Collection. In questa intervista ci ha svelato le prossime strategie di sviluppo del brand, sul crinale tra online e offline.

  • Lo scorso 23 settembre avete realizzato un evento di lancio dello store di Chiara Ferragni Collection in via Capelli (Zona Gae Aulenti), a Milano, dove erano presenti centinaia di followers.
    Come ha influito l’attività social relativa all’evento fatta dai fan sulle vendite dello store in questo mese?

Credo che sia importante partire da una premessa: quando si parla del nostro brand, i social (Instagram in particolare) sono sempre il canale di comunicazione più importante.
Siamo un brand che nasce dai social, che comunica attraverso i social e che si nutre delle interazioni che avvengono su questi canali sia in uscita che in entrata. L'influenza dell'attività online sulle vendite "in-store" è decisamente rilevante, molto spesso i clienti più decisi nell'acquisto sono quelli che arrivano con le foto di outfit e prodotti visti su Instagram.
Parlando dei risultati del negozio di Milano, devo dire che siamo estremamente soddisfatti. Posso dire che i risultati stanno ampiamente superando le nostre aspettative.

  • Secondo Forbes Chiara Ferragni è l’influencer più importante del mondo.
    Su quali asset state lavorando per rendere anche il brand tra i più glamour su scala internazionale?

Stiamo cercando di concentrare i nostri sforzi, su iniziative mirate, che ci permettano di raggiungere esattamente il nostro target consumer. Ad Aprile, ad esempio, abbiamo organizzato un party durante il festival di Coachella, che non solo ci ha permesso di creare brand awarness, ma di fatto siamo riusciti anche ad aprire nuove categorie di prodotto come lo swimwear e gli accessori beachwear. Un altro strumento molto importante sono le partnership e le collaborazioni con altri brand, anche di settori diversi.

  • Dopo la creazione di una cover per l’Apple Watch e la partnership con Ladurée per una box che rispecchia la giocosità del brand e racchiude un macaron speciale, avete nel cassetto altre possibili collaborazioni con altri brand?

Certamente, abbiamo appena lanciato ufficialmente il co-branding con Evian da Colette a Parigi e per il 2017 abbiamo un'altra partnership molto importante che riveleremo a giorni e di cui sono particolarmente felice. Novità e sorpresa sono elementi fondamentali per mantenere un brand all'interno del "newsfeed" del consumatore moderno e quindi al centro dei suoi desideri.

Andrea Lorini chiuderà la sessione plenaria del mattino della prima giornata di Forum Retail! Riserva ora il posto in sala!